Biologo Nutrizionista & Personal Trainer

Dr. Michele Di Sarli


Lascia un commento

Come mangiare bene e fare movimento: l’equilibrio perfetto

Fonte: https://www.prontopro.it/blog/come-mangiare-bene-e-fare-movimento-lequilibrio-perfetto/

Sappiamo bene che per essere sani e in forma non basta praticare un’attività sportiva ma avere anche uno stile di vita equilibrato e soprattutto mangiare sano.

Per approfondire l’argomento abbiamo rivolto alcune domande a Michele Di SarliBiologo Nutrizionista e Personal Trainer. Si presenta dicendo “amo l’alimentazione e lo sport a 360 gradi e dedico la mia vita allo studio continuo di queste due discipline”.

Ci spiega brevemente il suo percorso di formazione

Come mangiare bene e fare movimento, l'equilibrio perfetto

Mi sono laureato alla triennale in Scienze Biologiche all’Università di Bologna, poi mi sono laureato alla Magistrale in Biologia Molecolare, Sanitaria e della Nutrizione all’Università di Urbino, periodo durante il quale mi sono diplomato alla Federazione Italiana Fitness (FIF) come Personal Trainer. Al termine della laurea magistrale, grazie al “Progetto Leonardo” ho svolto un tirocinio di 3 mesi a Sofia (Bulgaria) presso l’ospedale e presso un centro per il dimagrimento. Tornato in Italia ho sostenuto l’esame di stato per l’abilitazione alla professione e l’iscrizione all’Albo dei Biologi. Successivamente ho seguito e seguo i più svariati corsi di aggiornamento dedicati alla nutrizione e allo sport. Tutt’ora sono in continua formazione”.

La nutrizione è un mondo immenso

La passione in questo mi spinge ad avere conoscenze un po’ in tutti i suoi aspetti” ci racconta, specificando però di dedicarsi soprattutto alla nutrizione nello sport, in particolare nuotociclismocorsatriathlonbody buildingcalciobasketpallavolosport da combattimento (karate, boxe, kickboxing, judo ecc), danza e atletica leggera.

Abbiamo chiesto a Michele quali siano state le motivazioni per scegliere questo lavoro. Ci risponde di essere sempre stato uno sportivo e di aver sempre avuto una passione per l’alimentazione.

Ci parla poi di piramide alimentare e di come l’alimento più importante per il nostro organismo sia rappresentato dall’acqua.

Il corpo può sopravvivere solo per 3 giorni senza acqua” ci ricorda “mentre potrebbe sopravvivere per decine di giorni senza alimenti ma avendo dell’acqua a disposizione”.

Aggiunge che un’altra componente molto importante è data dalla salute dell’intestino, la salute del “microbiota”.

Il microbiota” ci spiega “è rappresentato dai batteri “buoni” e “cattivi” che popolano l’intestino umano. La salute del microbiota e quindi dell’uomo è data a sua volta dall’equilibrio tra i macronutrienti: carboidrati (pasta, riso, patate ecc), grassi (il più importante è sicuramente l’olio extravergine d’oliva) e proteine(carne, pesce, uova e formaggi)”.

Si sofferma sul fatto di come l’equilibrio tra questi alimenti sia molto soggettivo e dipenda da numerosi fattori, ad esempio dallo stile di vita dell’individuo e dal suo stato nutrizionale (sottopeso, normopeso, sovrappeso).

Ci spiega che, in base allo stato dell’individuo, l’equilibrio salutare si può raggiungere grazie ad una alimentazione ipocalorica (meno calorie rispetto al reale fabbisogno energetico dell’individuo), normocalorica (le giuste calorie rispetto al reale fabbisogno energetico dell’individuo) o ipercalorica (un eccesso di calorie rispetto al reale fabbisogno energetico dell’individuo).

L’ultimo alimento e di certo non meno importante è rappresentato dalla verdura e dalla frutta che grazie al loro contenuto in fibre, vitamine e sali minerali contribuiscono al mantenimento della salute del microbiota” conclude.

Dietologo, Biologo Nutrizionista e Dietista

Michele ci svela poi la differenza tra queste tre figure

Il Dietologo può fare diagnosi al paziente, prescrivere farmaci, elaborare diete e lavorare in autonomia. Il Biologo Nutrizionista può elaborare diete in stati fisiologici e patologici accertati, può lavorare in autonomia ma non può effettuare diagnosi e prescrivere farmaci. Infine il dietista può elaborare diete in stati fisiologici e patologici accertati, non può fare diagnosi, non può prescrivere farmaci e non può lavorare in autonomia ma deve essere coordinato dal medico competente”.

Aggiunge come tutte e tre queste figure professionali siano di pari importanza e quanto sia importante influenzare gli adolescenti al corretto stile di vita e alimentare, dando il buon esempio e divulgando corrette informazioni in merito a queste tematiche.

Lo star bene è un equilibrio tra eccesso e difetto

Conclude l’intervista illustrando alcuni comportamenti nocivi quali il fumo e la sedentarietà.

Lo star bene è un equilibrio tra eccesso e difetto” dice “e una alimentazione basata su un eccesso di zuccheri semplici, un eccesso di grassi, bevande gassate zuccherate, utilizzo di dolcificanti ed edulcoranti, carni trasformate, eccesso di sale o di sostanze eccitanti come il caffè, sono comportamenti che possono aggravare lo stato psico-fisico generale. Come avete ben capito il problema non è tanto in sè per sè il comportamento alimentare ma l’eccesso e l’esagerazione”.

Se sei uno sportivo e vorresti seguire l’alimentazione corretta per migliorare la tua performance, o semplicemente vorresti migliorare la tua dieta per sentirti più in forma, non esitare a contattare Michele per un consulto.

Come ci dice lui stesso “L’approccio fondamentale è l’ascolto e il tempo dedicato alla persona. Tutte le persone hanno le proprie problematiche e solo con un colloquio attento è possibile individuarle”.

 


Lascia un commento

Il sistema immunitario ai tempi del Coronavirus! Cosa fare?

SISTEMA IMMUNITARIO AI TEMPI DEL CORONAVIRUS foto

… per visualizzare il video iscriviti al Gruppo Chiuso –  Dott. Michele Di Sarli – Biologo Nutrizionista e PT –  https://www.facebook.com/groups/540311376868288/?ref=group_browse

Sistema immunitario corpi sani e forti Vs malati e deboli

Una lotta impari dove il più forte sovrasta il più debole. È risaputo che un corpo sano, giovane e forte ha una capacità maggiore di rispondere all’attacco di agenti esterni come parassiti, batteri e virus a differenza di un corpo con patologie pregresse, invecchiato e indebolito.

Questo è dato da una “freschezza” delle nostre difese immunitarie.

Cos’è il sistema immunitario?

Il sistema immunitario rappresenta la difesa del nostro organismo da parte dell’attacco di agenti invasori quali parassiti, batteri e virus.

Il nostro organismo potremmo considerarlo come una fortezza dove la pelle rappresenta le mura e quindi il primo ostacolo che blocca il nemico all’esterno. Le vie aeree come bocca e naso rappresentano le porte d’ingresso alla fortezza e i globuli bianchi (linfociti) rappresentano i nostri soldati che organizzano le contromisure armate per bloccare l’attacco del nemico.

Con logica si può intuire che un esercito giovane, forte, ben armato e organizzato sarà più capace di rispondere all’attacco di un nemico rispetto ad un esercito anziano e indebolito.

Cosa fare per rendere il sistema immunitario forte? 

Come per tutto in questo mondo la forza è data dal superare situazioni ed esperienze che potrebbero indebolirci o ammazzarci. Il detto “ciò che non ti uccide ti fortifica” è la sacrosanta verità. Questo vale anche per le difese immunitarie, in quanto l’attacco nel tempo di nemici fortifica il nostro esercito che sopravvive vittorioso e  diventa sempre più pronto a rispondere a situazioni avverse. Vi faccio un esempio, una persona che si allena all’aria aperta anche a temperature fredde è meno cagionevole di chi non si allena e sta sempre chiuso in ufficio questo perchè l’organismo non è “allenato” a rispondere a dei cambi di temperatura repentini a differenza invece di un corpo che a questi cambi è abituato regolarmente.

Cosa incide negativamente sul sistema immunitario? 

Sono diversi i fattori che possono indebolire l’organismo. Il primo è certamente il fumo,  poi a seguire l’eccesso di alcool, lo stress, la sedentarietà, il mancato riposo, una alimentazione squilibrata, l’utilizzo eccessivo di farmaci e patologie pregresse

Come migliorare il sistema immunitario?

La risposta è molto semplice: la prevenzione precede la cura! Bisognerebbe adottare una stile di vita sano ed equilibrato: non fumare, non abusare di alcool, alimentazione equilibrata, fare attività fisica e il riposo notturno regolare e ristoratore

Sono semplici regole che mantenute con costanza nel tempo creano un ambiente interno forte e vigoroso proto a reagire contro tutti i nemici.

Cosa mangiare e cosa integrare?

L’alimentazione se equilibrata e sana è più che sufficiente a garantire la forza e la salute dell’organismo e in questo scenario i protagonisti sono i carboidrati, grassi, proteine, fibre, sali minerali e vitamine.

È poi essenziale l’assunzione equilibrata di vitamine A, B, C, D ed E, associata a minerali come zinco, selenio, magnesio e calcio, che aiutano a preservare le difese dell’organismo, contribuendo ad ottimizzare la risposta immunitaria.

Dott Michele Di Sarli – Biologo Nutrizionista e Personal Trainer

Per visualizzare il video iscriviti al “Gruppo Chiuso –  Dott. Michele Di Sarli – Biologo Nutrizionista e PT” –  https://www.facebook.com/groups/540311376868288/?ref=group_browse

Segui la pagina Facebook  https://www.facebook.com/Biologo-Nutrizionista-Personal-Trainer-1154391467916993/


Lascia un commento

L’ATTIVITÀ FISICA ALLA BASE DELLA PIRAMIDE ALIMENTARE

Ci  si preoccupa sempre di cosa mangiare. Si è alla ricerca continua dell’alimento magico o della magia dello star bene quando il movimento è alla base della piramide alimentare moderna.

La natura ci insegna che sopravvivere è “faticoso“. In natura niente è pronto e a disposizione, non esistono i supermercati, non esiste il frigorifero, non esiste l’ora in cui nutrirsi.

Con questo non voglio dire di ritornare alle origini, vivere in una caverna e cacciare il cibo per sopravvivere. La natura si evolve e l’uomo grazie alle sue conoscenze è riuscito a trasformare la fatica in comodità.

Cercando semplicemente il significato di fatica ho trovato queste due definizioni:

  1. Sforzo intenso e prolungato che porta all’indebolimento progressivo delle facoltà di resistenza fisiche o spirituali;
  2. Il risultato di un lavoro fisico o mentale.

Questa definizione “potrebbe” essere utilizzata anche per il termine allenamento. 

Di conseguenza se l’allenamento potremmo definirlo come un risultato di un lavoro fisico e mentale e la fatica è definita come un lavoro fisico e mentale, per sillogismo l’allenamento è fatica.

Ho fatto un gioco di parole per dire: Sì! L’allenamento è fatica! Purtroppo senza lavoro/impegno e senza fatica non possono essere pretesi risultati.

Tutti possono iniziare

Comincia da casa

Qui per te un’allenamento gratuito made in home , ti serve solo una sedia e un tappetino:

Nota bene: è importantissimo eseguire gli esercizi seguiti da personale competente

Scheda allenamento 1Scheda allenamento 2Scheda allenamento 3

Dott Michele Di Sarli

 

 

 


Lascia un commento

NON SI INGRASSA DA NATALE ALLA BEFANA!

minimalist photography of a red and green christmas gift box

Photo by Jill Wellington on Pexels.com

La domanda più classica in assoluto: “Dopo le feste ingrasserò?”

La risposta tipica:” Non si ingrassa dal 25 dicembre al 6 gennaio ma dal 6 gennaio al 25 dicembre”

Ovviamente è un modo simpatico per dire di godersi le feste natalizie in maniera serena e conviviale con i propri cari perché non sarà la cena della vigilia, il pranzo di Natale e il cenone di Capodanno a far  incrementare a dismisura l’ago della bilancia!

Domanda:” Ma non sono giorni ipercalorici?”

Probabilmente sì! Le kcal sono e saranno sempre la dittatura dei chilogrammi in eccesso e in difetto, però bisognerebbe imparare a ragionare su un lungo periodo ed imparare ad investire su se stessi.

Investire su se stessi vuol dire “lavorare” per imparare a conoscere il proprio corpo.

Comprendere le risposte che esso attua in diversi regimi alimentari (ipo-normo-ipercalorica).

Comprendere i cambiamenti dovuti all’attività fisica, a partire dalla semplice camminata/passeggiata ad un allenamento programmato e dettagliato di bodybulding, ciclismo, corsa, danza, conbattimento ecc.

Imparare a gestire le proprie kcal, tramutandole in alimenti delle quotidianità.

Potresti dimagrire mangiando 2500 kcal e potresti ingrassare mangiando 2000 kcal!!!

Come è possibile?

Il corpo “impara” a gestire le kcal e visto che “impara” bisognerebbe “insegnarglielo”.

Domanda finale: “Ingrasserò dopo le feste di Natale?”

 

Dott Michele Di Sarli

Biologo Nutrizionista & Personal Trainer

 


Lascia un commento

Linee Guida per una sana alimentazione

 

vegetables and tomatoes on cutting board

Photo by Pixabay on Pexels.com

Mangiare bene è sulla bocca di tutti, ed esistono delle semplice regole per farlo. Il CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) divulga le linee guida per una sana alimentazione. Se sei interessato clicca il link seguente per scaricare gratuitamente i 10 capitoli di una sana alimentazione.

https://www.crea.gov.it/web/alimenti-e-nutrizione/-/linee-guida-1

fonte: http://www.crea.gov.it